Home Cammino Neocatecumenale Addio a Carmen Hernàndez, co-iniziatrice del Cammino Neocatecumenale.

Addio a Carmen Hernàndez, co-iniziatrice del Cammino Neocatecumenale.

Carmen Hernández

Carmen Hernández, 85 anni, iniziatrice insieme a Kiko Argüello del Cammino Neocatecumenale, è mancata ieri pomeriggio a Madrid. Personalità inquieta e spontanea, era uno dei pilastri della particolare opera nata 50 anni fa nelle periferie della capitale spagnola. Lo scorso primo luglio, Papa Francesco ha concesso un’udienza privata ai pilastri del Cammino Neocatecumenale in Vaticano; mentre si trovavano riuniti hanno chiamato telefonicamente Carmen, a Madrid, per animarla nei suoi ultimi giorni.

La sue condizioni di salute erano peggiorate notevolmente negli ultimi 18 mesi nonostante non ci fosse alcuna malattia specifica. Ma è stata presente durante l’udienza che Francesco ha concesso alle famiglie missionarie del Cammino Neocatecumenale lo scorso 18 marzo. È stata l’ultima volta che la si è vista in pubblico.

Insieme a Kiko Argüello e a padre Mario Pezzi, era parte della squadra internazionale del Cammino, un’istituzione concepita come un “percorso di formazione cattolica o fondazione di beni spirituali”, una forma attuale della dinamica delle prime comunità cristiane.

Nata ad Ólvega (Spagna), da piccola si è trasferita con la sua famiglia a Tutela, Navarra, dove ha vissuto la sua giovinezza. Ha ottenuto la laurea in chimica a Madrid per poi ritirarsi nell’Istituto delle Missionarie di Cristo Gesù, dove ottenne la licenza in teologia. Ha conosciuto Francisco José Gómez Argüello Wirtz, per tutti Kiko Argüello.

Durante gli anni ’60, Argüello ha cominciato la sua opera di evangelizzazione nel quartiere Palomeras Altas a Vallecas, come risultato di una ricerca interiore. Fra le case povere degli immigrati lavoratori sono nate le prime comunità del Cammino, e Carmen era una delle catechiste.

Il rapporto di vicinanza e amicizia tra entrambi è stato un lievito per l’opera nascente, alla quale si sarebbe poi aggiunto padre Pezzi. Solare, con un acuto senso dell’umorismo, Carmen Hernández sapeva essere assolutamente sincera.

Il Cammino Neocatecumenale è presente nei cinque continenti. La storia del Cammino a Striano si intreccia intorno alla figura di Don Michele Fusco che, durante gli studi a Roma nel 1971, incontrò nella parrocchia Sant’Alberto Magno dei Comboniani l’esperienza del Cammino.

Nel 1973 Don Michele Fusco, nella Parrocchia Corpo di Cristo a Nocera, fu uno degli iniziatori di questo carisma. Le Catechesi iniziali furono proposte dagli attuali responsabili del Cammino Campania-Molise: Nazareno e Kuka.

Quando nel 1984 il Vescovo designò Don Michele Fusco come presbitero della parrocchia San Giovanni Battista di Striano, egli volle riportare l’esperienza del Cammino anche tra i suoi fedeli.

Virgilio e Eliana furono i primi responsabili del Cammino a promuovere questo carisma nella parrocchia.

Dopo vari tentativi, non senza difficoltà, le Catechesi nella parrocchia di Striano furono affidate al Centro Catecumenale di Castellammare di Stabia.

Negli anni, nonostante le difficoltà e in alcuni casi un numero esiguo di fratelli, Don Michele Fusco ha costantemente cercato di mantenere vivo il Seme del Cammino nella parrocchia convinto dell’importanza di questo carisma.

Oggi il Signore ha permesso la nascita nel cammino a Striano di 3 comunità che vivono la Parrocchia come un servizio alla Chiesa.

Author: Raffaele Massa

Età: 20 anni Attività svolte in parrocchia: organista e direttore del Coro Severiniano, referente del mensile diocesano “Insieme”, addetto stampa dei Piccoli Madonnari ed Artisti in Piazza. Studio e lavoro: studente di lettere moderne presso l’università degli studi di Salerno, cerco di diffondere la buona, sana e critica notizia attraverso "Il Gazzettino Vesuviano", "Insieme", "Lyceum". Studio musica, organizzo eventi e pratico il volontariato in numerose associazioni della città. Segni particolari: mi ritengo una persona molto schietta, scherzosa, professionale al momento opportuno e che dà il 200% in tutto quello che fa, dai rapporti di amicizia fino agli incarichi che mi vengono assegnati. Credo di essere anche una persona precisa e metodica. Difetti? Eccome se ne ho! Se dovessi trovare una frase o una citazione che mi rispecchi, direi: “Lasciare il mondo un po’ migliore di come lo abbiamo trovato” (Baden Powell).

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>